In tutti questi anni, tra le altre cose, mi sono sempre divertita a trovare gli sponsor dei miei eventi e progetti. Ovviamente non sponsor qualunque, ma persone che si sposassero bene con Emmat e condividessero la sua visione.

Per esempio: la prima presentazione del libro me la sono organizzata al Bar Tiffany di Pinerolo, a fine novembre 2009. Il giovane proprietario mi ha offerto un buffet super (c’era anche la torta Zurigo), allestito in una bella saletta del suo bar. Non c’è stata una presentazione vera e propria, bensì un book signing, molto all’americana: io sono stata incollata a sedia e tavolino per tre ore, a firmare dediche su sessanta libri, mentre il mio amico fotografo (Massimo Milanese) scattava foto a tutti. Incredibile, ho assaggiato a malapena la Zurigo!

Hanno creduto in me, sponsorizzandomi dal 2009 al 2013: Cioccolato Puro, Albergian, Galup, Guido Bosio, Lookout adv, Iomangiogofri, Chiale Centro Casa Expert, Bar Tiffany, Due Mosche Bianche, Atelier di via Tessore, Pastificio Bolognese.

Nel 2014, quando ho rilanciato il romanzo con la nuova casa editrice, la goWare, ho deciso che mi sarei cercata solo due, massimo tre sponsor. E così è stato.

Nel 2017 il romanzo è ritornato a me. Al momento non è più in vendita, né on line né off line. lo pubblicherò da sola, con il self publishing in una versione aggiornata, nel 2018. 

Albergian

Albergian (2010-2016)

Albergian è un marchio storico di specialità della tradizione enogastronomica piemontese, è un’azienda che si tramanda da ben quattro generazioni.
La storia di questa famiglia nasce quando il fondatore Serafino Ponsat e la moglie Secondina aprono a Pragelato, piccola località al confine con la Francia, l’Albergian Hotel. Nel periodo invernale nasce la tradizione di preparare marmellate, mieli, infusi di erbe, liquori e specialità gastronomiche da servire agli ospiti dell’albergo, che spesso chiedono qualche barattolo o qualche bottiglia in più da portare a casa o da regalare. Giacomo Tillino, l’erede della dinastia Albergian, ha sposato da subito la causa emmat, inviando quaranta confezioni di marmellata fragole&rabarbaro (la preferita di Luca Dini, il direttore di Vanity Fair Italia), a New York, per la presentazione di “Voglio scrivere per Vanity Fair” nel giugno 2010. E continua, ancora oggi, a suppportarmi.

 

Uno degli sponsor ramacaffe per emmatravet

Rama Caffè (2010- 2016)

Al momento, chi viene ai miei eventi e compra il libro o l’e book, riceve in omaggio una piccola confezione di RAMA caffè, 100% italiano, ma venduto in Cina, prodotto dai mitici Raffaella Grisa e Marco Garbolino, che hanno ideato addirittura un adesivo apposta per emmat. E mi hanno portato in Cina, nei loro viaggi. Sentite qui: ho fatto tradurre il comunicato stampa in cinese da Camilla Conforti, l’ho aggiunto al romanzo in inglese e l’ho mandato a stampare (solo 4 copie, perchè è stato un salasso, a dirla tutta). Poi ho sporto una copia a Raffaella e a Marco che si sono veramente applicati, fotografandola OVUNQUE.

Uno degli sponsor Cantine Barbera

Cantine Barbera (2010- 2016)

E c’è anche lei: la Bambina, un rosèe strepitoso, siciliano, creato dall’intrepida Marilena Barbera. L’ho conosciuta a una cena di degustazione vini (grazie a Massimo Sainato). Eravamo sedute vicine, parlando parlando abbiamo scoperto di seguirci a vicenda su Twitter. Vi chiederete: che c’entra la Bambina con Emma Travet? Leggete il romanzo.

P.S. Se acquistate l’e book e rispondete alla domanda del finale, rischiate di vincere una bottiglia di La Bambina!

PS: E voi cosa avreste fatto, al mio posto?

Datemi la risposta, motivandola, su questa pagina fan o scrivetemi una mail a emmat_vanity@hotmail.com. La più originale avrà in regalo una bottiglia di La bambina della Cantina Barbera di Marilena, donna impavida, audace, coraggiosa, che ha creato un rosato Sicilia doc proprio come lei.

Vino La Bambina delle Cantine Barbera

Uno degli sponsor-baratti-milano-emma-travet

Baratti & Milano (2010- 2016)

Quello per il cioccolato è amore puro, senza se e senza ma. Quando, in un blog tour nelle Langhe (al quale sono stata invitata da Ilaria Gai), siamo finiti a visitare la fabbrica di Baratti & Milano, stentavo a credere di essere in un posto così sublime. Tutto era perfetto. Specialmente i cremini che saltavano dal nastro in movimento, quasi nelle mani di chi passava lì vicino.

Adoro andare da Baratti & Milano a Torino, a gustare la cioccolata calda con panna, come lei… nessuno mai. Quando stavo organizzando la mia ospitata ad Uptwon Market di Beatrice Conti (dicembre 2014) a Milano, ho pensato che i cioccolatini Baratti e la Bambina si sarebbero sposati benissimo con l’evento. Così ho chiesto alla direttrice marketing la sponsorship, così come ho fatto con Marilena Barbera. E loro, indovinate cosa hanno risposto?


uno degli sponsor-theladycracy-emmatravet

Theladycracy e gli altri (2014-2015)

Last but not least: occorre citare Theladycracy, il blog della portentosa Elisa Bellino, TrendforTrend, Selene Oliva e Colazione da (di Madina Salice) che mi hanno supportata, sempre ad Uptown Milano.